Sabato 25 & Domenica 26 Giugno: 4CC4TT0N4

descrizione dell'evento su uno sfondo di glitch art pitonica

Questo weekend ospitiamo una Hackathon ACCATTONA femminista [no uomini cis], all’insegna di competitività, rapidità, performatività benvedenza, sbaglieranza, mutualismo.

Programma:

SABATO 25
ore 10 – accoglienza, ore 10:30 – iniziazione a Python (programmazione per principianti parte 1), ore 12:30 – “buttiamola in glitch art” (taglia&cuci creativo)
pausa pranzo – se puoi, porta quello che vorresti trovare:)
ore 15:30 – laboratoria di cura nell’attraversamento degli spazi online (social network & benessere), ore 18 – esplorazioni pratiche del fediverso

DOMENICA 26
ore 10 – accoglienza, ore 10:30 – iniziazione a Python (programmazione per principianti parte 2), ore 12:30 – esplorazioni pratiche di servizi digitali autogestiti
pausa pranzo – se puoi, porta quello che vorresti trovare:)
ore 16:00 – server casalinghi

Il programma potrebbe essere soggetto a variazioni. Se ti interessa tantissimo una laboratoria specifica, hai domande/dubbi sull’accessibilità dello spazio, bisogno di ospitalità per il weekend o altro, manda una mail: opsfemminista@riseup.net

Lo Stato turco uccide

Le esperienze autonome kurde sono sotto attacco in siria del nord-est e in bakur (nord kurdistan). Mentre i bombardamenti in questa regione non si fermano mai, è stata lanciata una nuova offensiva ad aprile da parte delle forze irakene contro la comunità autonoma yezida nell’area di Şengal, offensiva che trova fondamento nell’accordo tra turchia e iraq supportato dal responsabile dell’ONU e e dai governi statunitense, tedesco e del regno unito.

In questo momento in cui la retorica dei media è concentrata sul conflitto tra ucraina e russia, senza tuttavia mettere in evidenza le responsabilità politiche della comunità internazionale, l’attacco congiunto di iraq, turchia e seguaci di Barzani in siria del nord-est viene completamente taciuto.

La complicità dell’unione europea rispetto al regime di Erdogan si conferma nel momento del rinnovo degli accordi sulla migrazione nel 2021, dopo 5 anni dal primo, per cui sono stati stanziati nuovi finanziamenti, accordi che riguardano le migliaia di persone migranti bloccate e respinte al confine turco.

Sebbene l’unione europea abbia preso formalmente posizione contro la natura repressiva del governo turco, in questi giorni sono state emanate pesanti condanne per le proteste di Gezi del 2013. Le persone considerate leader di un movimento che era in realtà senza leader, hanno ricevuto pene che vanno dai 18 anni di reclusione al carcere a vita. Inoltre anche il movimento di protesta contro la sospensione della convenzione di Istanbul per l’eliminazione della violenza sulle donne continua a subire una violenta repressione, così come ogni forma di dissenso rispetto alle politiche del governo. Le proteste che hanno messo al centro la matrice patriarcale di questo provvedimento, hanno visto un forte protagonismo di donne e soggettività non conformi al genere.

Stato e patriarcato sono due facce della stessa medaglia, e si mantengono annientando ogni forma di resistenza che si fonda sull’autodeterminazione delle soggettività oppresse. Che sia lo stato turco, quello irakeno, gli eserciti ucraino o russo o la NATO, la guerra che viene portata avanti ha per obiettivo la distruzione di ogni opposizione all’ordine patriarcale e capitalista.

Ogni spazio di autonomia sottratto al controllo di chi governa è un luogo dove creare autodifesa e organizzarsi per resistere di fronte all’autorità degli stati. Alle comunità che si autodifendono, che lottano per l’autodeterminazione e per la loro sopravvivenza va la nostra solidarietà!

Erdogan Katil

Mucadeleye devam!   

                                                                                                   Alcunx compagnx                                                                                                         transfemministx